Museo energia
Trova le risposte!
Un viaggio esclusivo all'interno dell'energia, concepito e realizzato attraverso nuovi strumenti e linguaggi dove si stimola l'interesse e la creatività dei visitatori.
Ti trovi in: Museo Energia > Scuola Energia
Campus "Il futuro presente" 2010 - L'IPOTESI ATOMICA. Storia ed evoluzione del modello atomico della materia, nelle scienze, nella letteratura, nell'arte

 

La Fondazione Banche di Pistoia e Vignole per la Cultura e lo Sport è stata costituita nel settembre del 2005 dalla Banca di Credito Cooperativo di Pistoia e della Banca di Credito Cooperativo di Vignole, allo scopo di confermare il comune orientamento e impegno sociale degli enti fondatori nei confronti degli appartenenti alle comunità locali che vivono e operano nei territori di loro competenza.

La Fondazione ha lo scopo di promuovere e sostenere, direttamente o indirettamente e sotto qualsiasi forma, tutte le iniziative e attività di natura culturale e sportiva idonee a favorire la formazione e la crescita morale, intellettuale e fisica, di tutte le persone che vivono e operano nei territori delle Province di Pistoia, Prato, Firenze e Pisa.

Tra le iniziative interamente promosse e finanziate dalla Fondazione, di grande prestigio e rilievo, in quanto rivolto direttamente ai giovani studenti del territorio, è il Campus scientifico residenziale “Il Futuro Presente”, giunto già alla sua quarta edizione e riservato agli studenti delle classi III, IV e V degli istituti secondari superiori situati nelle province di Pistoia, Prato e il circondario di Empoli-Vinci.

L’iniziativa, che si svolge nei cinque giorni antecedenti all’inizio dell’anno scolastico, presso Villa “La Magia” a Quarrata, intende fornire a un gruppo selezionato di circa trentacinque studenti l’occasione di vivere per una settimana a contatto con docenti e ricercatori universitari, partecipare attivamente a conversazioni e discussioni su temi scientifici e culturali, vivere il tempo libero per conoscere e utilizzare le opportunità offerte dall’ambiente e dal territorio che li ospita.

Responsabile Scientifico della manifestazione è il prof. Franco Pacini, dell’Osservatorio Astrofisico di Arcetri, esperto di fama internazionale di Astronomia e di Astrofisica. Il tema centrale del campus varia di anno in anno: dal 2007 a oggi sono stati affrontati vari argomenti legati all’astronomia, climatologia e alle origini dell’universo, fino all’edizione appena conclusasi che avuto come titolo: “L’ipotesi atomica”.

Per scaricare il programma completo clicca qui

Per vedere i video delle lezioni e scaricare le presentazioni dei relatori continua a navigare nella sezione Scuola Energia

Le impressioni dei ragazzi...

Per quanto riguarda la mia esperienza, bè, ci sarebbero molte cose da dire, ma sono sicuro che il tutto potrebbe essere riassunto in poche fondamentali righe. La cosa che, veramente, mi ha colpito, al di là dell'organizzazione che rasentava la perfezione, è stata sicuramente la mentalità cui tutto girava intorno. Un'atmosfera di speranza verso le capacità dell'uomo ed una forte fiducia nella possibilità delle nuove generazioni di giovani, mi hanno sicuramente fatto ricredere per quanto concerne le mie aspettative. Tutti si aspettavano qualcosa da noi ragazzi, qualcosa che però noi non dovevamo dimostrare ma qualcosa che bastava semplicemente lasciar uscire libero dalla nostra testa; costretti infatti dalla vita scolastica a seguire schemi preconfezionati, è stata pura gioia poter spaziare da argomenti a riflessioni apparentemente contrastanti, in uno spazio che premiava "il sincero e libero pensiero". Se da una parte siamo stati abituati a pensare due volte prima di agire, precludendoci la via della creatività, il campus mi ha fatto riflettere molto su come la scienza (o meglio, la conoscenza) sia in realtà condivisione e connessione di idee. Le lezioni ci hanno dato una solida base culturale, i professori e le nostre domande hanno fatto sì che questa diventasse un qualcosa da poter trascendere per giungere ad un nostro pensiero ed una nostra riflessione.
Il campus mi ha reso ottimista come non lo ero mai stato, perchè tutto girava attorno a ragazzi sinceri, pronti ad accettare critiche e a mettere in discussione le proprie credenze in favore di qualcosa di comune, che tutti potessero condividere. Sarà molto difficile dimenticare le nostre discussioni fra una lezione ed una partita di calcetto.
Un bellissimo ricordo, grazie.

Fabio Coppini

L'esperienza del Campus è stata molto interessante e costruttiva sotto vari punti di vista: sociale, culturale e formativo. L'accoglienza è stata calorosa e mi sono sentito subito a mio agio, anche grazie alla bellezza della sede e dei luoghi visitati. Gli argomenti mi hanno coinvolto tutti, ma in particolare ho trovato interessanti e ben presentate le relazioni sui modelli atomici e sull' Universo. Ho molto apprezzato il clima che si è creato fra noi ragazzi e la vicinanza fra relatori e noi studenti. Ciò mi ha consentito di soddisfare ogni curiosità sugli argomenti e sul mondo degli studi superiori. Un argomento che avrei voluto fosse approfondito maggiormente è la teoria quantistica, anche perché è un argomento non facile da discutere fra i banchi di scuola.

Flavio Fedi

L’idea di trascorrere sei giorni immersi nel verde delle colline di Quarrata e girovagando tra le più affascinanti teorie scientifiche mi ha entusiasmato sin da subito. Le mie aspettative non sono state deluse e posso affermare con certezza che questa sia stata la migliore esperienza di questa estate del 2010.
L’ambiente che ho trovato è stato sicuramente atipico, per descriverlo con un termine preciso, lontano dall’indifferenza verso questi temi che ho spesso incontrato. Il gruppo era caratterizzato da un interesse fuori del comune, una curiosità che abbracciava vari argomenti e faceva illuminare gli occhi, creando un’atmosfera idilliaca.
Devo sottolineare con amarezza come mi manchi quell’atmosfera di ricerca continua e aperta, spinta dall’entusiasmo e dalla passione dei giovani cervelli pronti a intraprendere tutte le strade possibili. Oggi, quando dopo una lezione di filosofia, di scienze, di matematica che mi lascia ipotesi irrisolte, magari solo sogni, mi giro, cercando gli occhi vivi dei miei compagni di Campus. Poi mi rendo conto che purtroppo la parentesi estiva è finita, così ricerco i contatti nati quest’estate per sottoporgli le mie domande, i miei ragionamenti, spingendo anche i miei compagni a riflettere, ipotizzare, creare. Era un’atmosfera da circolo culturale, dove le discussioni erano sempre nuove e non si fermavano mai, proprio perché non erano spinte dal dovere, ma dal piacere, dalla curiosità. Non abbiamo solo parlato di matematica, fisica, scienze, ma anche di filosofia, politica, letteratura, arte. Non c’è mai stata competitività, ma solo un comune sforzo per arricchire le conoscenze dell’altro con le proprie, uno scambio che cresceva di parola in parola. Spesso metafore simpatiche fatte dal compagno potevano aiutare a comprendere il ragionamento quasi metafisico del professore, i collegamenti sorgevano spontanei, le ipotesi nascevano continuamente.
Le lezioni sono sempre state molto coinvolgenti (a parte qualche rarissimo caso), come ad esempio la lezione sulla Teoria dei Giochi che ha unito i primi passi di una complessa costruzione matematica con episodi comici come i Peanuts. Spesso mi ha preso la meraviglia davanti alle immagini e all’eleganza del mondo che mi hanno mostrato, sono rimasta senza parole durante le lezioni a cui mi avete dato la possibilità di assistere. Ma il particolare che mi ha colpito maggiormente è stata la novità delle teorie esposte. Materiale freschissimo, alcuni mesi, un anno al massimo dalla nuova scoperta, dall’innovazione, a volte ancora non apparsa sui giornali di divulgazione. Che emozione è stata leggere le parole “ottica adattiva” su “le Scienze” e poter dire: “io questo lo sapevo già!!”.
Infine devo solo complimentarmi con gli organizzatori del campus e consigliare a tutti i giovani liceali che sono curiosi di conoscere di intraprendere questa esperienza che non può definirsi altro che meravigliosa.

Irene Chirico

da Il Tirreno 3 settembre 2010

da La Nazione 3 settembre 2010

 


Il Museo Energia avvalora il suo impegno nel promuovere la cultura scientifica e la creatività applicate al mondo dell’energia realizzando Energia Scuola.

Uno spazio di approfondimento, di capacità creativa e progettuale, interamente dedicato agli studenti dei vari istituti nel quale verranno pubblicati e premiati tutti i migliori progetti di classe.

 



Per maggiori informazioni:


Email: energiaonweb@gmail.com
Tel:  06.63.69.29
Fax: 06.63.03.81







Altri Progetti

1-20 |21-40 |41-60 |61-80 |81-84 |